Antefatto. Dopo 2 anni di apertura, tante serate a tema, molti argomenti trattati, dopo aver ospitato produttori, artigiani, contadini, vignaioli, cuochi, pasticceri e colleghi in genere, è giunto il momento di andare avanti. Vogliamo un nuovo progetto da far crescere parallelamente alle ormai collaudate serate di Star sull’Aia e Raccontami un Piatto. Le idee di sicuro non ci mancano e la voglia di fare nemmeno, deve solo scoccare quella scintilla che ti fa capire di aver visto giusto e che rende tutto più chiaro.

Fatto. Il nostro nuovo responsabile di sala si chiama Emanuele Boccaccini, è un maestro del servizio, è un grande sommelier, un profondo conoscitore di vini e soprattutto ha la stessa nostra passione per l’enogastronomia.

Conseguenza. Parlando con Emanuele, quella scintilla di cui sopra, scocca. Il vino sarà un elemento importante nella programmazione dei prossimi eventi. Prendiamo spunto da una certezza: le bevute più divertenti sono quelle tra amici, dove ognuno porta una bottiglia e si assaggia tutto. Niente degustazioni tecniche, niente schede, valutazioni e abbinamenti.

Epilogo. Un unico tavolo, max 12 persone, ognuno porterà 2 bottiglie dello stesso tipo (o una magnum), noi ci metteremo la nostra cucina ed Emanuele si occuperà dei vini messi in gioco.

Regolamento. Una settimana prima della data renderemo pubblico il nostro menu così che potrete scegliere le bottiglie più adatte. Attenzione, non si tratta di abbinamento vino-cibo! Comunicheremo il menu solo per evitare di trovarsi un riesling con un brasato o un barolo con una sogliola al vapore. Il tavolo può avere un minimo di 6 e un massimo di 12 commensali. La nostra intenzione è di fare le cene programmate e chiudere le prenotazioni a 12, ma se qualcuno vuole riunire il proprio gruppo di amici bevitori, possiamo confezionare una serata su misura con le medesime modalità e decidere insieme la data.

Tutti gli appassionati di vino hanno delle bottiglie nella cantina personale pronte per le grandi occasioni, la chicca del piccolo produttore, la grande etichetta, la vecchia annata, l’introvabile e così via. Coraggio bevitori, spolverate le vostre amate, il piacere del bere, senza condivisione non è lo stesso.

Siamo chiusi dal 4 al 12 ottobre. 
Riapriamo venerdì 13.